Confcooperative, federcasse e i tre gruppi bancari cooperativi disponibili a dialogo con parlamento